Regolamento Parete Boulder

PREMESSA
Il presente Regolamento disciplina l’ingresso e l’utilizzo della struttura di arrampicata (di seguito
“Palestra”) della sezione del Club Alpino Italiano di Sora situata in Via Valfrancesca, n.7. La
Palestra è composta di tre moduli. Da sx: modulo 1 e 2 sono di proprietà del Gruppo Regionale CAI
Lazio, che ne ha dato gestione con apposita convenzione al CAI Sora; il modulo 3, appigli e
materassi sono di proprietà del CAI Sora.
Premesso che la pratica dell’arrampicata sportiva è uno sport potenzialmente pericoloso, è fatto
obbligo a tutti i frequentatori della Palestra e degli Addetti alla sorveglianza di rispettare
scrupolosamente le Regole di seguito riportate:
1. La Sezione del CAI Sora non ha fini di lucro e si impegna a promuovere le attività inerenti alla
montagna, ivi compresa la frequentazione della palestra per l’allenamento alla pratica
dell’arrampicata sportiva.
2. Il Consiglio Direttivo del CAI Sora nomina una COMMISSIONE DI VIGILANZA per l’utilizzo,
il controllo e la fruizione della palestra. La Commissione risponde del proprio operato al Presidente
della Sezione.
4. La Commissione potrà individuare, tra i soci del Cai Sora, le figure degli ADDETTI ALLA
SORVEGLIANZA i cui ruoli sono stabiliti nei punti 32-37 del presente Regolamento.
5. La Commissione, alla fine di ciascun mese, redigerà il calendario di apertura della palestra
stabilendo le giornate di apertura al pubblico e le giornate di utilizzo della struttura da parte dei
Gruppi sezionali. Il calendario dovrà obbligatoriamente essere inviato al Presidente della Sezione
per la sua approvazione.
6. È facoltà del Consiglio Direttivo, per mezzo del Presidente della Sezione, rimuovere in qualsiasi
momento dall’incarico di addetti alla gestione i membri della Commissione di vigilanza che non si
atterranno al rispetto delle norme del presente Regolamento.
7. Il Direttivo del CAI Sora potrà in qualsiasi momento apportare modifiche e integrazioni al
presente regolamento. Ogni modifica sarà tempestivamente comunicata ai Praticanti attraverso
segnalazione in bacheca o altro metodo di avviso.PALESTRA TITO TRONCONI
AREA BOULDER INDOOR
Via Val Francesca n7 Sora
ACCESSO ALLA PALESTRA
8. La pratica dell’arrampicata sportiva presso la struttura del CAI Sora è consentita soltanto previa
compilazione modulo di frequentazione e presa visione, acquisizione ed accettazione del presente
regolamento.
9. L’accesso alla Palestra è consentito a tutti i soci del CAI Sora ed ai soci delle altre Sezioni CAI
del Lazio in regola con il tesseramento. I soci delle altre Sezioni CAI dovranno al momento
dell’ingresso esibire agli Addetti alla sorveglianza la tessera personale Cai.
10. I non soci potranno utilizzare la Palestra gratuitamente, previo pagamento dell’assicurazione
giornaliera e con prenotazione obbligatoria 24 ore prima l’ingresso. Gli stessi dovranno allegare al
modulo di frequentazione il certificato medico-sportivo dell’anno in corso. I non-soci potranno
usufruire di 5 ingressi per anno esauriti i quali è necessario diventare socio CAI per poter continuare
a frequentare la Palestra.
11. L’accesso alla Palestra è autorizzato soltanto durante i giorni e gli orari di apertura che saranno
stabiliti dalla Commissione di Vigilanza. L’utilizzo in giorni e orari diversi da quelli ufficiali dovrà
essere concordato con gli Addetti previo appuntamento.
12. Enti o Associazioni sportive del territorio che vorranno provare l’utilizzo della Palestra
dovranno farne richiesta al Presidente della Sezione del CAI Sora il quale, informata la
Commissione di Vigilanza, potrà autorizzarne l’ingresso.
13. Corsi ed esercitazioni d’arrampicata potranno essere svolti soltanto da Istruttori qualificati di
tutte le Scuole d’Alpinismo, Scialpinismo ed arrampicata libera delle Sezione CAI del Lazio.
14. L’uso della struttura al di fuori dei corsi e delle esercitazioni direttamente gestiti dal CAI Sora
avviene sotto l’esclusiva responsabilità del Praticante stesso, che risponde anche dei danni
eventualmente arrecati a terzi e/o alla struttura.
15. Il Gestore della Palestra non assume alcun obbligo sulla custodia dei materiali e dei beni
personali durante la permanenza dei Praticanti nei locali della palestra.
16. Sull’intera struttura è obbligatorio arrampicare calzando specifiche scarpette da arrampicata.
L’utilizzo di altri tipi di calzature deve essere autorizzato dagli Addetti alla sorveglianza. La palestra
sarà dotata di cassetta di primo soccorso e di postazione con estintore.
17. Coloro che violano le disposizioni di questo regolamento possono essere allontanati dalla
palestra dagli Addetti alla sorveglianza.NORME SPECIFICHE PER I PRATICANTI
18. L’area della Palestra si suddivide esclusivamente nell’area Boulder allestita nel salone
d’ingresso della sede sociale di via Valfrancesca.
19 All’interno della Palestra ogni frequentatore deve adottare un comportamento educato, diligente
ed igienico al fine di evitare rischi per se stesso e per gli altri. E’ vietato turbare l’ambiente con
schiamazzi, urla ed in generale con una condotta che non sia consona all’attività sportiva ed al
rispetto altrui e che possa recare disturbo, molestia e danni a terzi.
20. Nell’area Boulder è vietato sostare sui materassi mentre gli arrampicatori stanno effettuando i
passaggi, salvo che si stia facendo lecita e corretta assistenza.
21. Eventuali anomalie e difformità delle strutture di arrampicata o allentamenti degli appigli
devono essere segnalati al personale addetto alla sorveglianza presente in palestra.
22. E’ severamente vietato per motivi di sicurezza rimuovere i materassi, spostare prese, posizionare
prese, fare nuovi itinerari senza autorizzazione dell’addetto alla sorveglianza, usare piccozze e
ramponi. È vietato l’utilizzo della magnesite in polvere. Sarà disponibile la magnesite liquida.
23. E’ vietato fumare, bere bevande alcoliche e consumare cibi all’interno della palestra. E’ vietato
per motivi di igiene arrampicare senza maglietta.
24. Per la tutela della privacy di adulti e minorenni sono vietate le riprese fotografiche e video
individuali effettuate con qualsiasi dispositivo secondo la normativa vigente. Nelle giornate di
apertura al pubblico l’Addetto alla sorveglianza non potrà fotografare e diffondere a mezzo social le
attività della Palestra che restano prerogativa della Sezione del Cai Sora. Nelle giornate riservate ai
Gruppi sezionali la diffusione delle fotografie spetta al Referente del gruppo.
25. Tutti gli utilizzatori sono tenuti ad assumere un comportamento prudente, diligente ed adeguato
all’elevato grado di responsabilità dell’arrampicata sportiva. Ogni utilizzatore è pienamente
responsabile per danni cagionati a persone e/o cose derivanti dal mancato rispetto delle norme di cui
commi del presente regolamento.
26. Il Praticante della Palestra è consapevole del fatto che l’arrampicata è una attività che può
comportare, per sua stessa natura, rischi anche gravi di infortunio, pertanto il Praticante assume
ogni responsabilità di eventuali incidenti a suo carico, esonera espressamente il Gestore e gli
Addetti alla sorveglianza da qualunque responsabilità per danni che gli possono derivare in
conseguenza della propria attività di arrampicata o derivanti da collaborazione ed ausilio
dell’attività di arrampicata altrui ed è esclusivamente responsabile per quei danni che possono
derivarne agli altri Praticanti della palestra.
27. Tutti i Praticanti sono obbligati a rispettare scrupolosamente le norme del presente regolamento;
pertanto ogni Praticante della palestra si assume tutte le responsabilità per il proprio
comportamento.MINORI
28. La pratica dell’arrampicata sportiva è consentita ai minori di anni 18 esclusivamente previa
presentazione di un apposito modulo sottoscritto da parte dei genitori o di chi eserciti la potestà dei
genitori.
29. Durante tutto il tempo di permanenza nella Palestra i minori di anni 14 devono sempre essere
accompagnati ed assistiti da uno dei genitori che comunque ne è responsabile ad eccezione dei
corsi.
30. Il genitore del minorenne, si assume la completa responsabilità del minore e garantisce che ogni
sua azione sia conforme alle norme del presente regolamento e sia idonea ad evitare incidenti.
COMMISSIONE DI VIGILANZA
31. La Commissione di vigilanza nomina gli Addetti alla sorveglianza, previa autorizzazione del
Presidente del Cai Sora. Cura gli aspetti organizzativi, di controllo e di attuazione del presente
Regolamento ed ha il potere di rimuovere l’Addetto alla sorveglianza che non ne rispetta il
contenuto. Risponde del proprio operato direttamente al Presidente della Sezione. Ai componenti
della Commissione di vigilanza viene consegnata copia della chiave della Palestra previa
compilazione del modulo di accettazione. Ogni componente dovrà firmare il registro di presenza
ogni volta che entrerà nella Palestra. Nella stessa modalità i componenti della Commissione
consegneranno copia della struttura agli Addetti alla sorveglianza.
ADDETTO ALLA SORVEGLIANZA
32. All’Addetto della sorveglianza della Palestra, spetta principalmente il compito di rispettare e far
rispettare il suddetto regolamento. Qualora non venisse rispettato il suddetto regolamento l’Addetto
potrà essere espulso da tale mansione.
33. L’Addetto alla sorveglianza apre e chiude la palestra, regola l’ingresso, si accerta della corretta
compilazione del modulo di frequentazione (va compilato una sola volta), sottoscrive i nominativi
dei praticanti nel quaderno presente all’ingresso.
34. L’addetto ha l’obbligo di badare alla cassetta di primo soccorso, al punto estintore e al sistema
di riscaldamento nel periodo invernale e alla struttura.
35. Cura la pulizia della Palestra e dei servizi igienici.
36.Accoglie le richieste e segnalazioni dei praticanti.
37. In caso di pericolo o incidente ha l’obbligo di contattare gli organi inerenti al problema, il
Presidente e un membro della Commissione di Vigilanza.