La galleria delle immagini delle nostre escursioni

Escursione del 11 giugno 2017-Festa del 90° CAI Sora-M.te Serrone

Festa del 90° del Cai Sora.- Rifugio Capodacqua-Monte Serrone—Intersezionale con :CAI Frosinone, Cassino, Esperia, Alatri e Gallinaro. Dalla località “Cicerone” (930 m) sulla strada regionale per Forca d’Acero, si prende il sentiero (strada sterrata) Q2 del Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise. Si arriva attraverso il vallone di Capo d’Acqua al Rifugio Capo d’Acqua (1218 m), si prosegue all’interno del vallone Carbonara fino alla località “Pratiglio” (1484 m). La sterrata termina e inizia il sentiero all’interno di una faggeta fino al valico di Schiena d’Asino (1709 m). A questo punto si procede a sinistra per una cresta e si arriva sul monte Serrone (1974 m). Il ritorno avverra’ per la valle di Celano fino al “Pratiglio” e nuovamente sulla sterrata (Q2) e si arrivera’ al Rifugio Capo d’Acqua. (PS: per i meno allenati l’escursione potrà concludersi alla località Pratiglio e ritorno al rifugio).Partecipanti n. 100.-Foto: L.Meglio-N.Caringi-S.Perfetti

Escursione del 21 maggio 2017-Monte Murro Marro

Partenza dalla località “ I POZZI “ in Montattico frazione di Casalattico ( m.750 ) dove si lasciano le auto lungo la strada che conduce alla località campo del Popolo. Si imbocca una carrareccia che si percorre per circa 500 metri , per poi diventare un sentiero che scende fino al guado del vallone Fossalone ( m. 590 ).Da qui il sentiero prende a salire dolcemente fino al bivio con un altro sentiero che viene da ovest, poi prosegue più ripido fino alla località Fontanella ( m.712 ) dove è situato un tipico pozzo di pietra. Si prosegue per il sentiero esterno che prima ripiana e poi sale dentro un fitto bosco di lecci e cerri fino a raggiungere un grosso masso situato nel centro del sentiero, si scende verso il Vallone Orionte ( m.750) da dove si riprende a salire fino alle Case Valle Noce ( m. 837 ), un nucleo abitativo con costruzioni fatiscenti. Si prende un sentiero che si snoda poco al di sotto della linea di cresta , fino a raggiungere un’altura ( m.900 ), quindi si procede a sinistra in direzione SE, in leggera salita , fino alla sella di Monte Cerreto ( m.1.060 ). Si continua verso un’altra altura, quindi si scende leggermente verso una sella da dove si sale in campo aperto verso la cima. Il ritorno si svolge sullo stesso percorso dell’andata non potendosi effettuare il classico anello , a causa di una frana che ostruisce il sentiero che scende verso la Valle dei Viccari . Partecipanti n. 16- Foto: M. Marchione.

Escursione del 07 maggio 2017-Monre Girifalco

A Corcumello , frazione di Capistrello , (m.744) transitando per Via delle Valli, si lasciano le auto nei pressi di un campeggio. Si percorre una strada che passa davanti al campeggio e 100 m a dx si prende un sentiero con segnale bianco-rosso , dopo aver aperto un cancello in filo spinato. Il sentiero si snoda nel bosco per uscire su Passo di Pagliara , sbocco fucense della strada che dalla Valle del Nerfa portava ai Piani Palentini. ( h. 1, 45) . Da qui sale sulla destra un sentiero che conduce a M. Girifalco dove ci sono delle rovine di una antica fortezza medievale abruzzese,( h 0,30). Si ridiscende quindi al Passo di Pagliara da dove, prendendo a sinistra un sentiero, si giunge alle Grotte di S.Lorenzo ( m.1100), romitorio medievale legato all’antico monastero dedicato a S.Pietro di Corcumello ( h 0,50 A/R). Si ritorna di nuovo al Passo per riprendere il cammino dell’andata fino a Corcumello. ( h 1,15 ). La zona è abitata da grifoni e falchi che sono facilmente avvistabili Partecipanti n. 18-Foto: D. Castellucci.

Escursione del 30 aprile 2017-Traversata del Circeo

Da Torre Paola (presso piazzale ristorante L’Approdo) si imbocca la sterrata accanto alle mura(sentiero3, pannello descrittivo) percorreremo il versante settentrionale, detto \\\\\\\"quarto freddo\\\\\\\", coperto da foreste intonse (prevalentemente lecceta) dopo circa 900 m lasceremo, a destra, il ripido sentiero che conduce a Monte Circe...(lo percorreremo al ritorno) a questo punto la sterrata diventa sentiero fino a raggiungere, in 1.5 ore con una distanza di 5,3 km ed un dislivello in salita di circa 180 metri la strada carrabile che dal centro storico di San Felice Circeo conduce al Punto Panoramico detto Le Crocette. Qui si deciderà o per una sosta con un caffè nella piazzetta di San Felice che dista 700 m oppure proseguire direttamente per il punto panoramico: LE CROCETTE impiegando circa 50 minuti. Da questo belvedere ha inizio il sentiero panoramico che passa lungo la cresta della montagna detto \\\\\\\"quarto caldo\\\\\\\", in cui domina la macchia mediterranea, per raggiunge il picco. Si tratta del sentiero più lungo ma anche del meno faticoso ...... senza dubbio il più bello e panoramico! In circa 2 ore si raggiunge Punta Circe. Questo tratto, che passa per il Fortino Creta Rossa è un percorso che non necessita di grandi doti di orientamento, ma che consigliamo di fare con una certa cautela, sia per la percorrenza su roccette e sia perché in prossimità del picco, alcuni tratti impongono l\\\\\\\'uso delle mani. Sulla sommità del picco c’è quello che rimane del tempio dedicato a Circe o Venere. In epoca romana, e anche prima, le tribù italiche raggiungevano il tempio in un lungo pellegrinaggio dai vari insediamenti della zona Pontina. Il panorama è unico e lascia senza fiato. Il mare circonda il promontorio da tre lati: su uno ci sono le Isole Pontine, su un altro si vede tutto il Golfo di Gaeta e quando il cielo è particolarmente sereno anche quello di Napoli; dall’altro lato si vede la spiaggia di Sabaudia (spiaggia di Torre Paola) con le dune che separano il mare dai laghi costieri. Con 1.00 ora si effettua il ritorno (parcheggio auto), scesi di circa quaranta metri dalla cima, si prenderà il sentiero ripido a destra, quello nel bosco. Qui bisognerà scendere con molta cautela in quanto il fondo del sentiero è molto scivoloso. Partecipanti n. 14- Foto: G. Perruzza.

Escursione del 23 aprile 2017- Anello Santo Stefano di Sessanio-Rocca Calascio

Dal centro di S. Stefano di Sessanio (1.251 mt.) appena imboccata la strada per Campo Imperatore sulla destra, accanto ad una cabina in cemento, si imbocca un sentiero, all’inizio poco evidente, che sale gradatamente. Si prosegue su un bel sentiero, diventato visibile e parzialmente segnato con colore verde, che con alterni sali e scendi lungo una panoramica collina ci conduce prima sul Monte delle Croci (1431 mt.) e da qui si scende verso la chiesa rinascimentale della Madonna della Pietà e la fortezza di Rocca Calascio (1.460 mt.). Visitato il luogo ed il borgo quasi disabitato, si prende la strada sterrata che costeggia il lato destro del Monte delle Croci e dopo un paio di chilometri si imbocca un viottolo che attraversando la Val Pareta ci riconduce al paese di S. Stefano di Sessanio. Qui possibilità per chi lo volesse di pranzare in un ristorantino locale con visita all’antico borgo. Partecipanti n. 38-Foto: L.Meglio

Escursione del 9 aprile 2017-Anello di Serra Alta

Escursione ad anello con parte¬nza da Piazza San Ro¬cco a Sora (FR), sul sentiero CAI 623, che percorre l’intera cresta fino a Serra Alta. Il sentiero è molto panoramico, nella prima ora verrà affrontato il disli¬vello più impegnativo (circa 650m) per giungere a Colle San¬t’Angelo, si prosegue poi per altri 6 km nel quale sono gradualmente spalmati i restanti metri di dislivello. Arrivati in vetta per le ore 11:00 circa renderemo omaggio alle vittime del dis¬astro aereo del 30 marzo 1963 e apporremo sulla croce di vetta il cassetto con il diario delle memorie (libro di vetta). Il ritorno avverrà percorrendo il sentiero CAI 624 che scende costeggiando il Vallone delle grotte e passando sotto la pineta di S. Angelo, regalandoci uno splendido panorama su Sora, proseguiremo fino a piazza San Rocco a chiudere il meraviglioso anello. Partecipanti n.25- Foto:S.Prosperi.-G.Mizzoni

Escursione del 26 Marzo 2017-Monte Cavallo...in Rosa con il CAI di Cassino

Escursione in Rosa su Monte Cavallo e Forcellone insieme al CAI di Cassino. Partenza da Prato di Mezzo con direzione località Forestelle e Fonte Fredda. Lasciato il sentiero N2 si salle alla sella di Monte Cavallo per proseguire per il sentiero in diagonale a SX fino a raggiungere la vetta e Monte Cavallo (m. 2039). Di seguito scesi da Monte Cavallo si sale sul vicino Monte Forcellone.Il ritorno avverrà su sentiero di andata. Partecipanti totale n. 50.-Foto: Simona Prosperi.

Escursione del 19 marzo 2017-Eremi di Balsorano (AQ)

Partenza da circa 520 slm, si percorrerà il Vallone di S. Onofrio per raggiungere l’Eremo di S. Onofrio, dove è prevista una pausa per visitare la grotta intitolata al Santo Eremita, dove il GEB ha apposto una targa commemorativa. Il cammino riprende per la sorgente S. Onofrio e la piana di Casalicchia e per raggiungere la meta finale: l’Eremo di S. Angelo, dove verrà celebrata la Messa e per chi vuole ci sarà la possibilità di pranzare al Santuario.(.Dopo il pranzo si scenderà per il Vallone S. Angelo. Partecipanti n.30--Foto: S.Prosperi-D.Spassiani

Escursione del 26 febbraio 2017-Racchette in Coppo dell Orso-Macchiarvana

Ciaspolata nella Valle di Macchiarvana con il CAI di Coppo dell Orso.PROGRAMMA: **ORE 8.00 Raduno in località Bar Ristorante Valico di Forca d’Acero (Opi).—Le autovetture si parcheggiano sul piazzale fino a capienza e a bordo strada sulla destra prima dell’arrivo. **ORE 8.15 Iscrizioni, prenotazioni pasti. **ORE 9.00 Partenza per la ciaspolata dietro gli accompagnatori designati---Sono previsti due itinerari: uno di km. 13 e l’altro di km.6. **ORE 12.30 Rientro presso struttura coperta (sala polivalente del Comune di Opi)—Le autovetture si parcheggiano a bordo strada in salita a destra e sul curvone della salita di Opi. **ORE 13.00 Pranzo (gli organizzatori serviranno ai partecipanti un primo piatto ed un secondo caldo con bevande e gadget. Partecipanti n. 9-Foto: Marcello Fava-Danilo Spaziani.

Escursione del 19 febbraio 2017-Passeggiata nei prati di Angro-Villavallelonga

15^ Passeggiata nei Prati d’Angro “ con sci di fondo, ciaspole, slitte. a piedi, a cavallo, in mountain biche ecc..”-- Ore 9.00: Parcheggiate le auto nei pressi della Chiesetta della Madonna della Lanna (m.1086), calzate le racchette da neve, si segue il sentiero B1 ( carta del PNALM) per I Prati d’Angro si giunge al Rifugio Aceretta (m.1233) dove verrà consumata la colazione con thè e frittelle. Il ritorno avverrà per lo stesso sentiero e alle ore 12.30-13.00, presso il piazzale Madonna della Lanna, si consumerà il pranzo a base di :””Quagliateglie con fagioli—Goulash con patate-vino, bevande e vin brulè””.Partecipanti n. 9--Foto: G.Farina.

Escursione del 12 febbraio 2017--Monte Forcellone

_____Da Prati di Mezzo si attraversano gli impianti di risalita e per il sentiero N2 si sale verso Fonte Fredda, da qui si continua a salire verso la vetta del Monte Forcellone (2030 mt.). Durante l’escursione ci saranno prove pratiche di utilizzo dei ramponi e piccozze con i suggerimenti per la corretta pianificazione e realizzazione di un’uscita in ambiente innevato minimizzando i rischi. Partecipanti n.18- Foto D.Ferri. ________________________________________ _______________________________